L’Italia e la Grande Guerra. Le donne nel primo conflitto mondiale

Copyright © Museo Civico del Risorgimento di Bologna

L’Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Difesa ha organizzato, per i giorni 25 e 26 novembre 2015, presso il Centro Alti Studi per la Difesa, il Congresso di Studi Storici Internazionali che vede come tema “Le donne nel primo conflitto mondiale. Dalle linee avanzate al fronte interno; la Grande Guerra delle Italiane”.

Centro Alti Studi per la Difesa -Piazza della Rovere, 83-Roma

invito_congresso_smd_2015-001

Affrontare gli anni della Prima Guerra Mondiale con gli occhi delle donne, rendendosi conto che la
guerra non l’hanno fatta solo i soldati in prima linea, ma anche quanti erano nelle retrovie. E’ questa la vera novità di questo Centenario, che il convegno intende ricordare attraverso prospettive trascurate in passato, sottaciute o ignorate.
Ed è di particolare importanza che sia l’Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Difesa a voler cogliere questa opportunità di approfondimento finora circoscritta ad un nucleo di storici che hanno messo in luce come questa guerra rappresenti uno snodo importante anche nella storia delle donne, perché ha accelerato processi di modernizzazione già emersi tra la fine dell’ ’Ottocento e l’inizio del Novecento, affermando un protagonismo femminile di straordinaria rilevanza. E’ impressionante la mobilitazione femminile per sostenere lo sforzo bellico.  Le donne sono massicciamente impegnate nel cosiddetto “fronte interno”, nelle fabbriche e nelle officine, nei campi e nei servizi, con una rottura dei ruoli tradizionali improvvisa
e ricca di conseguenze. Il contributo femminile alla guerra si configura anche come opera di assistenza civile. I Comitati nascono ancora prima che l’Italia entri in guerra e vengono sollecitati dall’appello alla Nazione del 29 maggio 1915 del Presidente del Consiglio Antonio Salandra. Nelle grandi città come nei piccoli centri, l’organizzazione femminile precede spesso quella maschile e poi finisce per fungere da modello delle opere di assistenza di guerra. Il convegno intende evidenziare l’ampiezza e l’importanza dell’apporto delle donne allo sforzo bellico della nazione, restituendo loro una memoria troppo a lungo rimossa. Al fronte ricordiamo le portatrici carniche, le crocerossine, congresso di studi storici internazionali le donne nel primo conflitto mondiale le dottoresse che per la prima volta possono operare negli ospedali. Accanto a loro le donne friulane e venete che la guerra l’hanno subita per motivi geografici, vivendo bombardamenti e distruzioni, l’evacuazione forzata di paesi e città, subendo gli stupri di guerra con tutte le loro drammatiche conseguenze. Sono state migliaia le profughe che hanno raggiunto luoghi molto lontani, anche dell’Italia centrale e  meridionale, costrette a prendere decisioni che hanno cambiato la loro vita e quella di figli e parenti e a rendersi economicamente indipendenti in contesti totalmente estranei. Al congresso partecipano anche studiosi stranieri, giovani ricercatori e storici non accademici. Studiare la Grande Guerra in un’ottica di genere permette di capire il senso delle trasformazioni della società italiana nei decenni successivi, se è vero che l’unica rivoluzione riuscita del XX secolo è stata quella femminile.

ecco il  programma (pdf).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...